GEOGRAFIA DA INSEGNARE O DA APPRENDERE

RIFLETTENDO SULLE OPERE DI MATTEO RICCI E MARTINO MARTINI

Authors

  • Michele Castelnovi

DOI:

https://doi.org/10.13128/bsgi.v10i3-4.564

Abstract

La recente presentazione a Villa Celimontana di uno splendido volume sull’opera di Matteo Ricci (Mignini, 2013) ha offerto l’occasione per un dibattito che tocca temi epistemologici molto profondi per i cultori delle discipline geografiche, ben al di là dell’incidentale occorrenza spaziale e temporale che potrebbe indurre a credere che si stia parlando di cose lontane e ininfluenti. La domanda concettualmente è semplice, ma ha profonde radici filosofiche e teologiche. Il sapere si insegna, si può insegnare, si deve insegnare? Socrate, i sofisti e il cristianesimo ci offrono risposte differenti, o per meglio dire le hanno offerte agli occidentali attraverso i secoli; e, come è noto, solo gli occidentali hanno vissuto quella particolarissima fase che va sotto il nome di Età delle Grandi Scoperte, da tempo oggetto delle riflessioni filosofiche e sociologiche di studiosi che si domandavano come mai questi avessero scoperto quelli, e non viceversa.

Downloads

Published

2019-11-05

Issue

Section

Articoli